imgx13.gif (10044 byte)
 
 


Alfredo Gismondi
(1874-1965) un poeta descrittivo e riflessivo: interiorizza l'immagine riportandola con una parola piena di significato. La poesia era per lui un momento di raccoglimento e di ripiegamento nel suo vero s. Raccolse le sue poesie in tre pubblicazioni: "Da-o m barcon" (1942), "Arv e gixe" (1954) e "In faccia a-o nstro m" (1955). : Am la lingua genovese fino a comporre un Dizionario Genovese-Italiano (S.E.I. 1955) e nella vita fu uno stimato medico pediatra.


 

Autunno in Poneivia

...Questa poesia  ci fa assaporare le immagini autunnali che ispiravano il poeta quando... "le stagioni erano come una volta". In effetti certe sensazioni possono essere colte solo quando la natura viva e non si travolti dal ritmo artificioso della vita moderna :dal traffico mattiniero delle strade, agli uffici, all'intontimento televisivo serale. E' quindi una riscoperta lasciar calare nelle sensazioni i ritmi naturali, di per s evocatrici tanto sono sedimentati nell'uomo e risananti poich, distaccando dalle finzioni di esigenze consumistiche ed ideologiche, riportano al principio di realt.

N.V.

 

.

Autunno in Poneivia

O o l' fondo comme unn'gua cia,
l'ia da-i monti a ta ponzente e finn-a,
e a-o sciuscio fresco da tramontaninn-a
sciuga i drappi desteisi in mzo l'a.

E feugge a-o s lxan che pan de sa;
inti fossoei tra e canne aggueita a prinn-a,
e dppo o cdo e a sessia settembrinn-a
torna allegra corr l'gua inta gia.

S'accurtisce e giorn; cazze e castagne;
e e feugge, comme i giorni, sensa f
xeuan via pe l'ia, unn-a e l'tra appreuvo:

e pe-i bschi, pe-i bricchi e pe-e campagne
da gni casa mont sento un d
de mei, de fonzo, e de vin gianco neuvo.

 

Autunno in Polcevera

Il cielo profondo come un'acqua chiara, l'aria dai monti tira pungente e fine , e al soffio fresco della tramontana  asciugano i panni stesi in mezzo all'aia.

Le foglie al sole luccicano sembrando seta, nei torrenti tra le canne in agguato la brina  e, dopo il caldo e la siccit di settembre torna allegra a correre l'acqua nel greto.

Si accorciano le giornate; cadono le castagne;  e le foglie, come i giorni, senza rumore  volano via per l'aria, una dopo l'altra:

e nei boschi, sulle colline e nelle campagne  da ogni casa sento salire un odore  di mele, di fungo, e di vino bianco nuovo.


 
 
 
 
 
  se non trovi a sinistra l'indice clicca qui
 
 
 
 
 

.